Crescere, si può!

Gli economisti l’hanno chiamata la Grande Recessione: la bolla immobiliare scoppiata negli USA nel 2007, in fase acuta fino al 2013, ha provocato stravolgimenti a catena nel mondo finanziario, a livello planetario.
Riprendersi dai danni è stato complesso. Soprattutto per il Vecchio Continente, sferzato anche della politica dell’austerity imposta dalla Comunità Europea.

Fare gli imprenditori non è mai stato difficile come negli ultimi 10 anni. Ma la crisi è di per sé portatrice di opportunità.
E ci sono realtà imprenditoriali che hanno saputo reinventarsi o trovare proprio nelle maglie larghe lasciate dal fallimento di alcuni, l’occasione per una grande ascesa.

Il Sole 24 Ore insieme a Statista propone una classifica delle aziende italiane leader della crescita 2019. Non sono tanto i numeri ad importare, ma la testimonianza di nuovi scenari, positivi, ai quali guardare con fiducia.

Leader di crescita 2019, la metodologia

La virtuosa classifica dei Leader di crescita 2019 è stata pubblicata dal Sole 24 Ore. Prima di svelare la top 10 delle aziende italiane degli ultimi 12 mesi, è interessante indagare come si sia arrivati a questi nomi.

Il Sole 24 Ore e Statista hanno indetto una sorta di concorso: le imprese che – nel rispetto di alcuni indicatori – credevano di aver raggiunto elevati livelli di crescita nel periodo 2014/2017, potevano avanzare la loro autocandidatura, analizzata poi da entrambi i promotori dell’iniziativa.
In fase di analisi preventiva, Statista ha stilato una lista di 6000 imprese italiane che avrebbero potuto procedere all’autocandidatura, che sono state contattate ed informate della possibilità.

Quali i parametri da rispettare per essere inserite nel novero dei leader di crescita 2019?

  • Fatturato di almeno €100.000 nel 2014 e di almeno €1,5 milioni nel 2017
  • Indipendenza (nessuna filiale o affiliata)
  • Avere la propria sede legale in Italia
  • Crescita di fatturato nel triennio 2014-2017 prevalentemente organica, quindi interna
  • Non trovarsi in nessuna delle condizioni di cui all’art. 80 del Dlgs. 50/201

I migliori 10 del 2019

La classifica finale vede 350 nomi di aziende, leader della crescita 2019 ed esempi ai quali guardare per rendersi conto che le opportunità esistono: bisogna solo saperle cogliere!
Per vedere la lista completa, basta collegarsi al sito del Sole 24 Ore.

Riportiamo qui solamente le prime 10, per dare l’avvio ad una rapida riflessione:

La prima cosa che salta all’occhio leggendo questa lista è che non ci sono nomi altisonanti: sono tutte PMI, capaci di rimanere focalizzate nel momento peggiore della crisi e, anzi, di trovare proprio durante la burrasca la rotta giusta.

Secondo, nella maggior parte dei casi servizi legati al digitale, all’ecommerce e all’innovazione hanno premiato. O comunque la capacità di utilizzare i nuovi scenari offerti dal web per promuovere la propria offerta.

Ancora, i leader della crescita 2019 non hanno avuto paura di guardare oltre i confini nazionali e rivolgersi a clientela estera. Anzi: puntando sul know how italiano e sulla qualità che da sempre siamo in grado di offrire, sono riuscite ad affermarsi e a creare flussi finanziari importanti, attraendo capitali dall’estero.

Sostenibilità ed attenzione all’ambiente sono state altre leve importanti utilizzate dalle 350 virtuose della crescita.

I leader della crescita 2019 sono dunque piccole e medie realtà che hanno saputo trovare il loro valore differenziante e che non hanno avuto paura di aprirsi al mondo: un messaggio di speranza e di positività, che è linfa vitale per chi crede nell’imprenditoria.